Gervaso presenta Pericolini

Un evento insolito in libreria e’ stato l’esordio letterario di Antonella Pericolini in presenza di un noto e navigato scrittore e giornalista quale Roberto Gervaso. Il contrasto ha funzionato. Da un lato l’emozione di aver pubblicato quelli che lei dice essere “i miei pensieri”, l’editore definisce “silloge poetica” e sui quali Gervaso non ha dubbi: trattasi di versi da accostare a quelli dei grandi del passato. Dall’altro l’ironia e i ricordi di chi ha attraversato la storia , ne ha conosciuto i protagonisti (custodisce la mitica “Lettera 22″ di Montanelli !) e ce lo ha raccontato. Un riuscito mix di luci (“mai avrei creduto ci fosse in natura un luogo cosi’ magico ove il calare del sole, fine di un giorno qualunque, spargesse bagliori come fiamme roventi scagliate al cuore“), ombre (“sono ancora qui sospesa, in un tempo fermo, in un mondo vuoto, in mancanza di te”), sogni (“comete magiche, splendenti su giorni informi, ci mostrano timorosi la via”), aforismi sulla modernita’ (“il computer ha cambiato il mondo ma non ha cambiato me”), canzoni dimenticate (la “Lanterna Blu” di Narciso Parigi), rivisitazioni di storia della letteratura italiana (“Savinio fu censurato quando scrisse che Leopardi era talmente depresso che mori’ per un’indigestione di gelato”) e un gran finale quando Gervaso, ricordando il meritatissimo schiaffo preso dalla sua prima innamorata a fronte della sua prima poesia, dichiara: “Tutti i ragazzi scrivono poesie, quelli che non vogliono invecchiare continuano anche da grandi”

“Luci, Ombre e Sogni” di Antonella Pericolini (Edizioni Tracce 2012).

“Scrivo per liberare l’anima da ciò che il mondo vi deposita”

http://edizionitracce1981.blogspot.it/2012/06/luci-ombre-e-sogni-roberto-gervaso.html

 

libreria assaggi © 2014 Tutti i diritti sono riservati

termini d'uso e informativa sul trattamento dei dati personali

from a WPSHOWER design

developed by Paluma