WP_Query Object ( [query] => Array ( [product_cat] => catalogo/narrativa ) [query_vars] => Array ( [product_cat] => narrativa [error] => [m] => [p] => 0 [post_parent] => [subpost] => [subpost_id] => [attachment] => [attachment_id] => 0 [name] => [static] => [pagename] => [page_id] => 0 [second] => [minute] => [hour] => [day] => 0 [monthnum] => 0 [year] => 0 [w] => 0 [category_name] => [tag] => [cat] => [tag_id] => [author] => [author_name] => [feed] => [tb] => [paged] => 0 [meta_key] => [meta_value] => [preview] => [s] => [sentence] => [title] => [fields] => [menu_order] => [embed] => [category__in] => Array ( ) [category__not_in] => Array ( ) [category__and] => Array ( ) [post__in] => Array ( ) [post__not_in] => Array ( ) [post_name__in] => Array ( ) [tag__in] => Array ( ) [tag__not_in] => Array ( ) [tag__and] => Array ( ) [tag_slug__in] => Array ( ) [tag_slug__and] => Array ( ) [post_parent__in] => Array ( ) [post_parent__not_in] => Array ( ) [author__in] => Array ( ) [author__not_in] => Array ( ) [orderby] => date ID [order] => DESC [meta_query] => Array ( [0] => Array ( [key] => _visibility [value] => Array ( [0] => visible [1] => catalog ) [compare] => IN ) ) [posts_per_page] => 12 [wc_query] => product_query [ignore_sticky_posts] => [suppress_filters] => [cache_results] => 1 [update_post_term_cache] => 1 [lazy_load_term_meta] => 1 [update_post_meta_cache] => 1 [post_type] => [nopaging] => [comments_per_page] => 50 [no_found_rows] => [taxonomy] => product_cat [term] => narrativa ) [tax_query] => WP_Tax_Query Object ( [queries] => Array ( [0] => Array ( [taxonomy] => product_cat [terms] => Array ( [0] => narrativa ) [field] => slug [operator] => IN [include_children] => 1 ) ) [relation] => AND [table_aliases:protected] => Array ( [0] => wp_term_relationships ) [queried_terms] => Array ( [product_cat] => Array ( [terms] => Array ( [0] => narrativa ) [field] => slug ) ) [primary_table] => wp_posts [primary_id_column] => ID ) [meta_query] => WP_Meta_Query Object ( [queries] => Array ( [0] => Array ( [key] => _visibility [value] => Array ( [0] => visible [1] => catalog ) [compare] => IN ) [relation] => OR ) [relation] => AND [meta_table] => wp_postmeta [meta_id_column] => post_id [primary_table] => wp_posts [primary_id_column] => ID [table_aliases:protected] => Array ( [0] => wp_postmeta ) [clauses:protected] => Array ( [wp_postmeta] => Array ( [key] => _visibility [value] => Array ( [0] => visible [1] => catalog ) [compare] => IN [compare_key] => = [alias] => wp_postmeta [cast] => CHAR ) ) [has_or_relation:protected] => ) [date_query] => [queried_object] => WP_Term Object ( [term_id] => 2020 [name] => Narrativa [slug] => narrativa [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 2020 [taxonomy] => product_cat [description] => [parent] => 220 [count] => 3600 [filter] => raw ) [queried_object_id] => 2020 [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_posts.ID FROM wp_posts LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id ) WHERE 1=1 AND ( wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (2020) ) AND ( ( wp_postmeta.meta_key = '_visibility' AND wp_postmeta.meta_value IN ('visible','catalog') ) ) AND wp_posts.post_type = 'product' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.menu_order, wp_posts.post_date DESC, wp_posts.ID DESC LIMIT 0, 12 [posts] => Array ( [0] => WP_Post Object ( [ID] => 97771 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-05-24 03:22:18 [post_date_gmt] => 2019-05-24 01:22:18 [post_content] => Un'antologia di racconti che ha come tema centrale l'apocalisse. Cinque grandi maestri della letteratura latinoamericana a confronto: gli argentini Roberto Arlt e Leopoldo Lugones, i brasiliani Joaquim Manuel de Macedo e Aluìsio Azevedo, il messicano Amado Nervo. Siamo alle origini della fantascienza, un genere che, anche quando immagina mondi perduti o futuri tecnologicamente avanzati, non smette mai di dialogare con il proprio tempo. Ed è per questo motivo che la scelta dei testi si è concentrata sui decenni 1850-1930, anni fondamentali per la definizione della nuova modernità della nazione latinoamericana. [post_title] => Apocalisse. Alle origini della fantascienza latinoamericana [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => apocalisse-alle-origini-della-fantascie [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-24 03:22:22 [post_modified_gmt] => 2019-05-24 01:22:22 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/apocalisse-alle-origini-della-fantascie/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 97752 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-05-09 03:32:30 [post_date_gmt] => 2019-05-09 01:32:30 [post_content] => "Ed attraverso il vetro della finestra grigi pensieri fumiganti ad inseguire il mare, Santa Lucia ristretta nelle spalle, le mani in tasca, ad ascoltare il silenzio del suo silenzio, le raffiche del vento che veniva, e queste foglie ritorte nella strada, dentro l'asfalto. Dalla strada solitudine graziosamente se ne discende al mare, con gozzi malandati, luci sfrangiate, e navi in lontananza, punta della Campanella, e Capri, la gran massa di Capri distesa a ricordare, estranea alla città come torre indecifrata, vicina sì, quanto vicina, e lontanissima, pure, con storie scolorite d'imperatori e donne, con cargo tremolanti dell'Oriente e dell'Africa, e granaglie, carichi di mais, ferro, sabbia dorata". Si apre così Malacqua, il noto romanzo - forse il più bel libro su Napoli - che Nicola Pugliese scrisse nel 1976 e che a suo tempo fu pubblicato da Einaudi dopo il parere entusiasta di Italo Calvino. Il libro non si ristampa da allora. Da molti anni, infatti, circola solo in fotocopia fra gli appassionati, e le pochissime copie disponibili, ormai veri e propri oggetti di culto, sono contesissime dai bibliofili. Stando ai fatti, "Malacqua" è la cronaca di quattro giorni di pioggia nella città di Napoli. Il maltempo non provoca soltanto crolli e frane. Nell'incertezza ostile della pioggia, ecco moltiplicarsi eventi inusitati, prendere corpo presagi e neri ammonimenti. Le "voci" misteriose di Castel dell'Ovo, l'enigma di tre bambole, il mare di via Caracciolo che insegue gli scugnizzi. [post_title] => Malacqua [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => malacqua-quattro-giorni-di-pioggia-nell [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-09 03:32:34 [post_modified_gmt] => 2019-05-09 01:32:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/malacqua-quattro-giorni-di-pioggia-nell/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 97729 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-05-03 03:20:32 [post_date_gmt] => 2019-05-03 01:20:32 [post_content] => [post_title] => GIARDINO CHE VORREI (IL) [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => giardino-che-vorrei-il [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-03 03:20:32 [post_modified_gmt] => 2019-05-03 01:20:32 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/giardino-che-vorrei-il/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 97717 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-04-12 03:30:56 [post_date_gmt] => 2019-04-12 01:30:56 [post_content] => In questo saggio breve scritto immediatamente dopo la fine delle ostilità e la sconfitta dell'Impero tedesco - l'unico lavoro rimasto inedito in Italia dello scrittore tedesco - Jünger analizza con una prosa ispirata e toccante l'esperienza e le conseguenze materiali e spirituali del disastro della Prima guerra mondiale, tema che segnerà in modo indelebile la produzione letteraria e filosofica dello scrittore e filosofo tedesco. Ne "La battaglia come esperienza interiore" Jünger riporta l'esperienza terribile della guerra di trincea, luogo dove rivivono gli istinti e le stesse pulsioni ferine che hanno dominato i nostri avi - la stessa volontà di sopraffare e di conquistare. Il vero uomo e il vero soldato è però capace di comprenderle e di dominarle, arricchendo l'esperienza con il senso dell'onore e del rispetto per il nemico. L'artista, lo scrittore, il genio di Jünger è anche capace, oltre a tutto questo, di trasformare tali sensazioni ed esperienze in pura epica, permettendoci di comprendere l'orrore nelle sue molteplici sfaccettature. [post_title] => La battaglia come esperienza interiore [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => battaglia-come-esperienza-interiore-la [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-04-12 03:30:59 [post_modified_gmt] => 2019-04-12 01:30:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/battaglia-come-esperienza-interiore-la/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 97715 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-04-10 03:33:34 [post_date_gmt] => 2019-04-10 01:33:34 [post_content] => [post_title] => VOGLIAMO TUTTO [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => vogliamo-tutto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-04-10 03:33:34 [post_modified_gmt] => 2019-04-10 01:33:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/vogliamo-tutto/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 97620 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-26 03:21:30 [post_date_gmt] => 2019-03-26 02:21:30 [post_content] => Situato alla confluenza dei fiumi Ebro e Segre, Mequinensa, paese un tempo fulcro di un importante bacino minerario e di un vivace traffico fluviale, conosce già il proprio destino: essere inghiottito dalle acque a causa dell'imminente costruzione di una grande diga sul fiume Ebro. Condannata all'inevitabile scomparsa, la memoria del villaggio s'infiamma e un secolo di storia rivive attraverso i ricordi dei suoi abitanti; minatori, marinai, ricchi borghesi, nobili decaduti, personaggi ora stravaganti ora ordinari intrecciano le loro voci per dar vita a un racconto polifonico e rievocare un passato mai dimenticato di lotte sociali e guerra civile, di eroismi e tradimenti, mettendo in luce la fitta trama delle ipocrisie e delle passioni che regolano i rapporti umani. Unanimemente riconosciuto come un classico della letteratura catalana contemporanea, fortemente iscritto nella memoria collettiva e ad oggi tradotto in quindici lingue, "Il testamento dei fiumi" è un magistrale affresco narrativo in cui confluiscono realtà e mito, ironia e tenerezza, nostalgia e impeto letterario. [post_title] => Il testamento dei fiumi [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => testamento-dei-fiumi-il [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-26 03:21:33 [post_modified_gmt] => 2019-03-26 02:21:33 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/testamento-dei-fiumi-il/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [6] => WP_Post Object ( [ID] => 97617 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-23 03:50:27 [post_date_gmt] => 2019-03-23 02:50:27 [post_content] => Un ragazzo dell'alta borghesia romana, figlio di un influente dirigente della televisione pubblica, è abituato a ottenere dai genitori separati tutto ciò che desidera, finché suo padre perde la testa per una soubrette e sembra dimenticarsi di lui. Senza amore e senza soldi, con una madre depressa e shopping-dipendente da accudire, al colmo della rabbia decide di dare battaglia al genitore e di annientarlo. Comincia così a scoprire i meccanismi che regolano la sua elitaria comunità, facendo i conti con politici corrotti, costruttori onnipotenti, agenti segreti in pensione, adepti dell'Opus Dei, filippini misteriosi, ebrei cabalisti e nazisti contemporanei. In un quartiere elegante e volgare, esposto ed esoterico, con un'etica propria e codici esclusivi, un ragazzo entra in guerra per distruggere il suo mondo a suon di colpi bassi. Una storia caustica, basata su una verità sconosciuta e raccontata con una speciale miscela di sarcasmo e romanticismo. [post_title] => Il libro nero dei Parioli [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => libro-nero-dei-parioli-il [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-23 03:50:32 [post_modified_gmt] => 2019-03-23 02:50:32 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/libro-nero-dei-parioli-il/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [7] => WP_Post Object ( [ID] => 97613 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-23 03:40:06 [post_date_gmt] => 2019-03-23 02:40:06 [post_content] => [post_title] => CENA ELEGANTE (UNA) [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => cena-elegante-una [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-23 03:40:06 [post_modified_gmt] => 2019-03-23 02:40:06 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/cena-elegante-una/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 97600 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-19 03:33:48 [post_date_gmt] => 2019-03-19 02:33:48 [post_content] => [post_title] => Titani [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => titani [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-19 03:33:50 [post_modified_gmt] => 2019-03-19 02:33:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/titani/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 97597 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-19 03:33:29 [post_date_gmt] => 2019-03-19 02:33:29 [post_content] => Dal numero di aprile-maggio 2008 di una rivista svedese uscito poco dopo la morte del regista, Davide Brullo ha scovato il quaderno di appunti di Ingmar Bergman dedicato alla vita sessuale di Franz Kafka insieme alle pagine di un diario e ci propone questa sorprendente e scandalosa traduzione in italiano. [post_title] => Ingmar Bergman. La vita sessuale di Franz Kafka [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ingmar-bergman-la-vita-sessuale-di-fran [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-19 03:33:33 [post_modified_gmt] => 2019-03-19 02:33:33 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/ingmar-bergman-la-vita-sessuale-di-fran/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [10] => WP_Post Object ( [ID] => 97595 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-19 03:22:32 [post_date_gmt] => 2019-03-19 02:22:32 [post_content] => Chi è Vittorio, l'inafferrabile protagonista di un romanzo che inizia ai tempi del primo governo Berlusconi e si conclude nell'atmosfera irreale del post-11 settembre? Frequenta i centri sociali? È uno studente modello? Un fan dei Pearl Jam? Un edonista in vacanza a Sharm el Sheik? Un cattolico integralista? E soprattutto: è innamorato della bella e disinibita Claudia o di Marta, chiusa, impacciata e rosa dalla frustrazione? Vittorio riesce a essere tutte queste cose insieme, attraversando adolescenza e giovinezza all'insegna di un camaleontismo luciferino e superando, praticamente indenne, il periodo del grunge e quello del pop patinato, la vittoria elettorale della sinistra e il ritorno di Berlusconi: ha un talento formidabile per il trasformismo... [post_title] => Il caso Vittorio [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => caso-vittorio-il [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-19 03:22:36 [post_modified_gmt] => 2019-03-19 02:22:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/caso-vittorio-il/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [11] => WP_Post Object ( [ID] => 97585 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-03-15 03:50:11 [post_date_gmt] => 2019-03-15 02:50:11 [post_content] => «Ho capito che c'è un filo che tiene insieme questo libro, che parte da un padre "rivoluzionario" e arriva a una figlia accusata di terrorismo. Non è, però, un libro intimo. La cavalcata attraverso la storia della famiglia Saraceni è molto, molto altro. È il passaggio lungo la storia della democrazia, la nascita e lo sviluppo dei diritti, il rapporto tra politica e magistratura e tra magistratura e avvocatura. A partire dalle inquietudini e dal ruolo che le diverse epoche storiche hanno assegnato a una funzione, quale quella della giustizia», scrive Giuliano Pisapia, nell'introduzione a "Un secolo e poco più". Attraverso le storie di tre personaggi della stessa famiglia si articola un secolo, dall'attentato a Umberto I ai nostri anni. Il padre Silvio, un rivoluzionario di inizio Novecento; avvocato umanitario antifascista; fondatore nell'immediato dopoguerra della «Repubblica di Castrovillari», memorabile esempio di democrazia frettolosamente dimenticato. Luigi, magistrato eretico da quegli anni Cinquanta in cui nei palazzi di giustizia si processava quasi esclusivamente la marginalità sociale e i reati contro la proprietà; giudice convinto che «ogni fatto da giudicare è una storia, una microstoria, che a volte, per il protagonista del processo, è la storia della vita»; fondatore di Magistratura democratica; poi deputato di sinistra fuori dal coro e in ultimo avvocato garantista. La figlia, Federica, bambina indimenticabile, adolescente inquieta, ragazza impegnata, giovane che rifiuta il presente ordine sociale, per finire imputata e condannata per un delitto politico atroce commesso dalle BR. Tre vite in cui si trova rappresentata una Storia nazionale in soggettiva, scandita in una parabola simbolica. «Ho sbagliato? In cosa ho sbagliato?». E questo interrogativo finale, che Luigi Saraceni si pone a prima vista solo riguardo alla figlia, aleggia in realtà su tutto il secolo e poco più. [post_title] => Un secolo e poco più [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => secolo-e-poco-pi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-15 03:50:15 [post_modified_gmt] => 2019-03-15 02:50:15 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/secolo-e-poco-pi/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) ) [post_count] => 12 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 97771 [post_author] => 1 [post_date] => 2019-05-24 03:22:18 [post_date_gmt] => 2019-05-24 01:22:18 [post_content] => Un'antologia di racconti che ha come tema centrale l'apocalisse. Cinque grandi maestri della letteratura latinoamericana a confronto: gli argentini Roberto Arlt e Leopoldo Lugones, i brasiliani Joaquim Manuel de Macedo e Aluìsio Azevedo, il messicano Amado Nervo. Siamo alle origini della fantascienza, un genere che, anche quando immagina mondi perduti o futuri tecnologicamente avanzati, non smette mai di dialogare con il proprio tempo. Ed è per questo motivo che la scelta dei testi si è concentrata sui decenni 1850-1930, anni fondamentali per la definizione della nuova modernità della nazione latinoamericana. [post_title] => Apocalisse. Alle origini della fantascienza latinoamericana [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => apocalisse-alle-origini-della-fantascie [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-24 03:22:22 [post_modified_gmt] => 2019-05-24 01:22:22 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.libreriaassaggi.it/prodotto/apocalisse-alle-origini-della-fantascie/ [menu_order] => 0 [post_type] => product [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [vis] => 0 ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 3600 [max_num_pages] => 300 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => 1 [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 5b02cb1a456221de4d1f589f9b3e763d [query_vars_changed:WP_Query:private] => 1 [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
Catalogo (3600)
tutte le materie

Showing 1–12 of 3600 results

Ordina per:
  • Apocalisse. Alle origini della fantascienza latinoamericana di: Arlt-Azevedo-Lugones-Macedo-Ne

    Un’antologia di racconti che ha come tema centrale l’apocalisse. Cinque grandi maestri della letteratura latinoamericana a confronto: gli argentini Roberto Arlt e Leopoldo Lugones, i brasiliani Joaquim Manuel de Macedo e Aluìsio Azevedo, il messicano Amado Nervo. Siamo alle origini della fantascienza, un genere che, anche quando immagina mondi perduti o futuri tecnologicamente avanzati, non smette mai di dialogare con il proprio tempo. Ed è per questo motivo che la scelta dei testi si è concentrata sui decenni 1850-1930, anni fondamentali per la definizione della nuova modernità della nazione latinoamericana.

  • Malacqua di: Pugliese Nicola

    “Ed attraverso il vetro della finestra grigi pensieri fumiganti ad inseguire il mare, Santa Lucia ristretta nelle spalle, le mani in tasca, ad ascoltare il silenzio del suo silenzio, le raffiche del vento che veniva, e queste foglie ritorte nella strada, dentro l’asfalto. Dalla strada solitudine graziosamente se ne discende al mare, con gozzi malandati, luci sfrangiate, e navi in lontananza, punta della Campanella, e Capri, la gran massa di Capri distesa a ricordare, estranea alla città come torre indecifrata, vicina sì, quanto vicina, e lontanissima, pure, con storie scolorite d’imperatori e donne, con cargo tremolanti dell’Oriente e dell’Africa, e granaglie, carichi di mais, ferro, sabbia dorata”. Si apre così Malacqua, il noto romanzo – forse il più bel libro su Napoli – che Nicola Pugliese scrisse nel 1976 e che a suo tempo fu pubblicato da Einaudi dopo il parere entusiasta di Italo Calvino. Il libro non si ristampa da allora. Da molti anni, infatti, circola solo in fotocopia fra gli appassionati, e le pochissime copie disponibili, ormai veri e propri oggetti di culto, sono contesissime dai bibliofili. Stando ai fatti, “Malacqua” è la cronaca di quattro giorni di pioggia nella città di Napoli. Il maltempo non provoca soltanto crolli e frane. Nell’incertezza ostile della pioggia, ecco moltiplicarsi eventi inusitati, prendere corpo presagi e neri ammonimenti. Le “voci” misteriose di Castel dell’Ovo, l’enigma di tre bambole, il mare di via Caracciolo che insegue gli scugnizzi.

  • La battaglia come esperienza interiore di: J

    In questo saggio breve scritto immediatamente dopo la fine delle ostilità e la sconfitta dell’Impero tedesco – l’unico lavoro rimasto inedito in Italia dello scrittore tedesco – Jünger analizza con una prosa ispirata e toccante l’esperienza e le conseguenze materiali e spirituali del disastro della Prima guerra mondiale, tema che segnerà in modo indelebile la produzione letteraria e filosofica dello scrittore e filosofo tedesco. Ne “La battaglia come esperienza interiore” Jünger riporta l’esperienza terribile della guerra di trincea, luogo dove rivivono gli istinti e le stesse pulsioni ferine che hanno dominato i nostri avi – la stessa volontà di sopraffare e di conquistare. Il vero uomo e il vero soldato è però capace di comprenderle e di dominarle, arricchendo l’esperienza con il senso dell’onore e del rispetto per il nemico. L’artista, lo scrittore, il genio di Jünger è anche capace, oltre a tutto questo, di trasformare tali sensazioni ed esperienze in pura epica, permettendoci di comprendere l’orrore nelle sue molteplici sfaccettature.

  • Il testamento dei fiumi di: Moncada Jesus

    Situato alla confluenza dei fiumi Ebro e Segre, Mequinensa, paese un tempo fulcro di un importante bacino minerario e di un vivace traffico fluviale, conosce già il proprio destino: essere inghiottito dalle acque a causa dell’imminente costruzione di una grande diga sul fiume Ebro. Condannata all’inevitabile scomparsa, la memoria del villaggio s’infiamma e un secolo di storia rivive attraverso i ricordi dei suoi abitanti; minatori, marinai, ricchi borghesi, nobili decaduti, personaggi ora stravaganti ora ordinari intrecciano le loro voci per dar vita a un racconto polifonico e rievocare un passato mai dimenticato di lotte sociali e guerra civile, di eroismi e tradimenti, mettendo in luce la fitta trama delle ipocrisie e delle passioni che regolano i rapporti umani. Unanimemente riconosciuto come un classico della letteratura catalana contemporanea, fortemente iscritto nella memoria collettiva e ad oggi tradotto in quindici lingue, “Il testamento dei fiumi” è un magistrale affresco narrativo in cui confluiscono realtà e mito, ironia e tenerezza, nostalgia e impeto letterario.

  • Il libro nero dei Parioli di: Covelli Alfredo

    Un ragazzo dell’alta borghesia romana, figlio di un influente dirigente della televisione pubblica, è abituato a ottenere dai genitori separati tutto ciò che desidera, finché suo padre perde la testa per una soubrette e sembra dimenticarsi di lui. Senza amore e senza soldi, con una madre depressa e shopping-dipendente da accudire, al colmo della rabbia decide di dare battaglia al genitore e di annientarlo. Comincia così a scoprire i meccanismi che regolano la sua elitaria comunità, facendo i conti con politici corrotti, costruttori onnipotenti, agenti segreti in pensione, adepti dell’Opus Dei, filippini misteriosi, ebrei cabalisti e nazisti contemporanei. In un quartiere elegante e volgare, esposto ed esoterico, con un’etica propria e codici esclusivi, un ragazzo entra in guerra per distruggere il suo mondo a suon di colpi bassi. Una storia caustica, basata su una verità sconosciuta e raccontata con una speciale miscela di sarcasmo e romanticismo.

  • Ingmar Bergman. La vita sessuale di Franz Kafka di: Brullo Davide

    Dal numero di aprile-maggio 2008 di una rivista svedese uscito poco dopo la morte del regista, Davide Brullo ha scovato il quaderno di appunti di Ingmar Bergman dedicato alla vita sessuale di Franz Kafka insieme alle pagine di un diario e ci propone questa sorprendente e scandalosa traduzione in italiano.

  • Il caso Vittorio di: Pacifico Francesco

    Chi è Vittorio, l’inafferrabile protagonista di un romanzo che inizia ai tempi del primo governo Berlusconi e si conclude nell’atmosfera irreale del post-11 settembre? Frequenta i centri sociali? È uno studente modello? Un fan dei Pearl Jam? Un edonista in vacanza a Sharm el Sheik? Un cattolico integralista? E soprattutto: è innamorato della bella e disinibita Claudia o di Marta, chiusa, impacciata e rosa dalla frustrazione? Vittorio riesce a essere tutte queste cose insieme, attraversando adolescenza e giovinezza all’insegna di un camaleontismo luciferino e superando, praticamente indenne, il periodo del grunge e quello del pop patinato, la vittoria elettorale della sinistra e il ritorno di Berlusconi: ha un talento formidabile per il trasformismo…

  • Un secolo e poco più di: Saraceni Luigi

    «Ho capito che c’è un filo che tiene insieme questo libro, che parte da un padre “rivoluzionario” e arriva a una figlia accusata di terrorismo. Non è, però, un libro intimo. La cavalcata attraverso la storia della famiglia Saraceni è molto, molto altro. È il passaggio lungo la storia della democrazia, la nascita e lo sviluppo dei diritti, il rapporto tra politica e magistratura e tra magistratura e avvocatura. A partire dalle inquietudini e dal ruolo che le diverse epoche storiche hanno assegnato a una funzione, quale quella della giustizia», scrive Giuliano Pisapia, nell’introduzione a “Un secolo e poco più”. Attraverso le storie di tre personaggi della stessa famiglia si articola un secolo, dall’attentato a Umberto I ai nostri anni. Il padre Silvio, un rivoluzionario di inizio Novecento; avvocato umanitario antifascista; fondatore nell’immediato dopoguerra della «Repubblica di Castrovillari», memorabile esempio di democrazia frettolosamente dimenticato. Luigi, magistrato eretico da quegli anni Cinquanta in cui nei palazzi di giustizia si processava quasi esclusivamente la marginalità sociale e i reati contro la proprietà; giudice convinto che «ogni fatto da giudicare è una storia, una microstoria, che a volte, per il protagonista del processo, è la storia della vita»; fondatore di Magistratura democratica; poi deputato di sinistra fuori dal coro e in ultimo avvocato garantista. La figlia, Federica, bambina indimenticabile, adolescente inquieta, ragazza impegnata, giovane che rifiuta il presente ordine sociale, per finire imputata e condannata per un delitto politico atroce commesso dalle BR. Tre vite in cui si trova rappresentata una Storia nazionale in soggettiva, scandita in una parabola simbolica. «Ho sbagliato? In cosa ho sbagliato?». E questo interrogativo finale, che Luigi Saraceni si pone a prima vista solo riguardo alla figlia, aleggia in realtà su tutto il secolo e poco più.